gennaio 21, 2010

E' passato un anno...


Ieri Obama ha festeggiato il primo anno da Presidente degli Stati Uniti. Rinnovo gli auguri al Presidente e ne approfitto per ricordare alcuni fatterelli che hanno caratterizzato la politica estera del Nobel per la pace Obama; intendiamoci, trovo questi comportamenti sensati ed opportuni, ma magari non proprio da Nobel per la pace. Vediamo un po':

-- ogni giorno bombarda il Pakistan
-- ha esteso la guerra allo Yemen e alla Somalia
-- ha triplicato le truppe americane in Afghanistan
-- ci sono ancora 120 mila soldati americani in Iraq; nessun ritiro di truppe
-- Guantanamo è ancora aperto e funzionante
-- ha liquidato il pacifismo alla Gandhi e Martin Luther King elogiando l'utilizzo della guerra
-- il bilancio militare del Pentagono, a parte le guerre in corso, è maggiore di quello voluto da Bush

non male per il paladino della Pace del mondo democratico e riformista della sinistra europea ed italiana in particolare, very cool.
In politica interna le cose non vanno poi per nulla bene. Disoccupazione alle stelle, debito pubblico enorme, popolarità a picco e tre stati passati ai repubblicani, tra i quali spicca l'ex feudo democratico del Massachusetts. Con 41 senatori, ora l'opposizione repubblicana sarà un grosso ostacolo sull'agenda della Casa Bianca.
Auguri Presidente.

gennaio 16, 2010

Peggio degli animali

I soliti tre animali hanno violentato una diciottenne: arrestati. Erano rumeni, neanche a dirlo. Uno di questi bastardi deve anche rispondere di violenza carnale nei confronti di un'altra donna con problemi psichici; neppure gli animali si comportano in questo modo. Poi ci saranno i soliti mentecatti che dicono che il fatto che siano rumeni non conta.
I numeri, però, dicono chiaramente che il 75% delle violenze carnali in Italia, sono compiute da immigrati vari: in primis rumeni seguiti da albanesi e marocchini. Una minoranza di persone straniere, commette la maggioranza di questi rivoltanti reati. E poi dicono che dobbiamo accorglierli a braccia aperte.
Mi auguro solo, dal profondo del cuore, che coloro che sono la causa di questa immigrazione incontrollata, e coloro che ipocritamente la sostengono, rimangano vittima loro stessi, o qualche loro caro, di qualche rumeno (o altro) arrapato. Lo auguro loro di tutto cuore!

gennaio 12, 2010

Ai tempi di George W. Bush, certe cose non succedevano

Quelle che vedete qui sotto sono vere fotografie segnaletiche o di persone recentemente arrestate negli U.S.A. C'è qualche cosa che mi sfugge... Date un'occhiata alle T-shirt indossate.
OK che sono sempre meno i sostenitori di Obama, ma fa pensare vedere da quali categorie di elettori continua ad avere supporto.



gennaio 05, 2010

La storia si scrive così


Hussein Barack Obama ne ha combinata un'altra delle sue. Ricapitoliamo le ultime imprese del premio Nobel per la pace un po' guerrafondaio:
  1. si presenta a Copenhagen con mogliettina al seguito per sponsorizzare la candidatura di Chicago per le olimpiadi del 2016. Mai visto nulla del genere. Forse Obama non aveva nulla di meglio da fare? Risultato: sponsorizzazione (pagata dal contribuente americano) fallita, le olimpiadi del 2016 si terranno in Brasile;
  2. va a passare le vacanze alle Hawaii (Camp David non era abbastanza cool, perchè risparmiare in tempo di crisi mondiale? Tanto paga sempre il contribuente, crisi economica o meno); l'America subisce un altro attacco terroristico (ok, fallito, per fortuna), ma Hussein rimane bello paciarotto alle Hawaii. Interrompere le vacanze? Non sia mai! Parleranno i portavoce al suo posto, lui è indaffarato a bere il suo Mai Tai sotto una palma ascoltando musica luau, godendosi il profumino del roast pig che cuoce; very cool!
  3. finalmente, tornato dalle vacanze decide di occuparsi di cose veramente importanti: nomina un transessuale, Amanda Simpson, Consigliere Capo del Ministero del Commercio USA. Ottima mossa; nessun altro cittadino americano sarebbe stato in grado di ricoprire quella carica? Certo che no, ma vuoi mettere che cosa cool che ha fatto il Presidente?
Visto che sembra intenzionato a silurare il Segretario del Department of Homeland Security Janet Napolitano, mi permetto di suggerire al Presidente la sostituzione dell'inetta Janet con, ad esempio, un Nativo americano tossicodipendente. Sai che cool che sarebbe?

gennaio 02, 2010

La violenza sulle donne perpetrata dall'islam


In questi giorni di festa, vorrei ricordare la vergogna della violenza (anche) sulle donne che la "religione di pace", cioè l'islam, commette, dimostrando ancora una volta quanta poca civiltà ci sia in essa. Questa ed altre foto sono disponibili a questo link al sito di Repubblica. Molto istruttivo. Fanculo al corano, vah!

gennaio 01, 2010

Tempus fugit

Filosofia spicciola romana...