maggio 18, 2009

Dialettica comunista

Le violenze "democratiche" alla manifestazione di operai FIAT di ieri a Torino nei confronti di esponenti sindacali perpetrate da "compagni che sbagliano", sono davvero figlie, come dice Gasparri, del santorismo e dell'odio cieco seminato da certa opposizione. La linea estremista e demente portata avanti dalla FIOM e da certi giornalisti ed esponenti più o meno comunistoidi in questi anni, non poteva far altro che portare a questi risultati. E' proprio vero che la bontà dei frutti, dipende dai semi utilizzati. Ora Epifani, dopo avere portato la sua CGIL a contare come il due di picche nel mondo sindacale e a non rappresentare i "lavoratori", ma solo se stessa e la sua parte politica, si straccia le vesti; la solita ipocrisia.
Per fortuna Dario Franceschini, dall'alto della sua nullità politica, consegna alla storia un'altra delle sue utili perle di saggezza, dichiarando: "E' un discorso generale: l'unico modo per prevenire le tensioni sociali è intervenire con misure concrete e efficaci". Grazie Dario, tu si che sei davvero concreto ed efficace, senza di te davvero non sapremmo come fare; la tua favella è proprio un faro illuminante.

Nessun commento: