maggio 28, 2009

La politica e la carta igienica


Ricapitoliamo. Questi sono gli argomenti "politici" di oggi, portati dai sinistrati mentali come discussione di alta politica:
Quel quotidiano inutile persino se utilizzato come carta igienica nei cessi pubblici che risponde al nome di la Repubblica prosegue la sua campagna elettorale per cerebrolesi, portando una pseudo intervista (quanto sarà costata?) ad un pregiudicato condannato per rapina, per avvalorare il suo monte di deiezioni preelettorali sul "caso Noemi".
Quella nullità politica di Dario Franceschini, ha dimostrato di essere anche una nullità umana, dichiarando ai media “Alle italiane e agli italiani vorrei rivolgere una semplice domanda: fareste educare i vostri figli da quest’uomo (Berlusconi)? Chi guida un paese ha il dovere di dare il buon esempio, di trasmettere valori positivi” Caro Franceschini, da te non farei educare neppure il cane, figurati un figlio.
L'Italia dei Valori (immobiliari), ha problemi con la matematica: si è accorta in ritardo che non ha i numeri per presentare in parlamento una mozione di sfiducia. O non sanno contare, o non hanno idea di ciò che dicono; forse entrambe le ipotesi sono giuste.
Un paio di quotidiani stranieri, riportano le tesi (e gli scritti) di Repubblica 2000, accumulando un altra figura di merda dimostrando di avere la professionalità di un alcolista in crisi di astinenza. I loro inviati in Italia, infatti, è noto che gli articoli li scrivono sotto dettatura di certi colleghi italici. L'unico modo di incontrarli infatti non è sul posto dove "c'è" la notizia, ma ai ricevimenti mondani ed ai vernissage.

Non c'è che dire. Complimenti!

maggio 18, 2009

Dialettica comunista

Le violenze "democratiche" alla manifestazione di operai FIAT di ieri a Torino nei confronti di esponenti sindacali perpetrate da "compagni che sbagliano", sono davvero figlie, come dice Gasparri, del santorismo e dell'odio cieco seminato da certa opposizione. La linea estremista e demente portata avanti dalla FIOM e da certi giornalisti ed esponenti più o meno comunistoidi in questi anni, non poteva far altro che portare a questi risultati. E' proprio vero che la bontà dei frutti, dipende dai semi utilizzati. Ora Epifani, dopo avere portato la sua CGIL a contare come il due di picche nel mondo sindacale e a non rappresentare i "lavoratori", ma solo se stessa e la sua parte politica, si straccia le vesti; la solita ipocrisia.
Per fortuna Dario Franceschini, dall'alto della sua nullità politica, consegna alla storia un'altra delle sue utili perle di saggezza, dichiarando: "E' un discorso generale: l'unico modo per prevenire le tensioni sociali è intervenire con misure concrete e efficaci". Grazie Dario, tu si che sei davvero concreto ed efficace, senza di te davvero non sapremmo come fare; la tua favella è proprio un faro illuminante.

maggio 15, 2009

Idee un po' confuse di un politico serio


In questi giorni stavo meditando di fare un post sul re dei trasformisti, al secolo Tonino Di Pietro. E' incredibile la sua capacità di cambiare in poche ore idea (idea? mah!); di contraddirsi praticamente su tutto. Dalle cose serie a quelle meno. Troppo complesso, troppo materiale. Su Il Giornale di oggi c'è un bell'articolo che parla proprio di questo, consiglio caldamente la lettura, vi garantisco delle sane risate. Aggiungo solo due righe a proposito della foto qui sopra. Tempo fa il Tonino nazionale, aveva dichiarato che "Un politico serio, va in parlamento, non al Bagaglino". Infatti Mr. Tonino il Serio, lo troviamo al Bagaglino a prendersi le torte in faccia. Più serio di così...
Buona lettura.

maggio 14, 2009

Vaporetto Democratico


Quella di riservare ai milanesi dei posti sui mezzi pubblici della città, è una fesseria, e va intesa comunque come una provocazione. Ovviamente i sinistrati mentali non hanno perso l'occasione per sproloquiare sui giornali ed in TV, scandalizzati. Peccato che la stessa idea sia stata messa in pratica tempo fa a Venezia da un sindaco di sinistra, Cacciari, tanto osannato e rispettato come filosofo e uomo della sinistra raffinata. Alcuni vaporetti infatti sono stati riservati esclusivamente ai veneziani. Strano: dove sono i commenti stizziti e scandalizzati per la decisione "razzista" di Cacciari? La sinistra non solo una volta di più si dimostra ipocrita e falsa, ma la mancanza di idee e appigli politici sensati, fa si che come da sua abitudine, ricorra vigliaccamente all'attacco personale.

maggio 11, 2009

La classe non è acqua


Mestiere duro quello del comico. In questi giorni, vedo un nuovo astro nascente in questo campo. Parlo di Dario Franceschini. Le sue "sparate" quotidiane sono davvero spassose; mi chiedo come riesca a rimanere serio mentre ci dona le sue battute. Fantastico! Certo che deve ancora migliorarsi; dovrebbe impegnarsi maggiormente per raggiungere le vette della satira. Ora lo vedo ad un livello un po troppo "pecoreccio", alla Alvaro Vitali, insomma. So che se si applica, può migliorare di molto; le qualità ci sono tutte, inoltre le dure esperienze politiche che, poverino, stà vivendo, forgiano e fortificano le sue notevolissime doti. In pochi mesi ha fatto passi da gigante anche se il suo repertorio non è recentissimo e neppure troppo vasto, qualche bella risata riesce a regalarcela ogni giorno. Grazie Dario!

maggio 10, 2009

Società multietnica


Finalmente si inizia a respingere i barconi di clandestini. Era ora. Ovviamente i soliti sinistrati mentali in malafede si scandalizzano e danno aria ai loro denti marci. Respingere i barconi finchè sono ancora in acque internazionali, è una prassi prevista da tutti i trattati internazionali. Mi chiedo solo una cosa, ma quando è il socialista Zapatero a respingerli e addirittura a sparare cannonate verso di loro, dove sono i pagliacci tinti di rosso con le loro proteste ipocrite? Come mai l'ONU non dice nulla alla Spagna? Le cannonate di Zapatero sono più democratiche e "umanitarie" dell'applicazione dei trattati internazionali da parte del nostro governo?
Alle proteste del Vaticano invece rispondo: perchè non accogliete voi alla Città del Vaticano qualche centinaia di clandestini rendendo multietnico il vostro Stato? Dateci il buon esempio, no?

maggio 07, 2009

Seri professionisti

Il tormentone Silvio vs. Veronica mi ha già rotto gli zebedei. Solo una nota tecnica sulla solita sciatteria della stampa e TV italiana. Tutti i media parlano di divorzio. Peccato che nella repubblica delle banane, prima di chiedere al tribunale il divorzio, ci siano obbligatoriamente almeno tre anni di separazione legale. Cosa cavolo continuano a dire che lei chiede il divorzio? Casomai chiede la separazione (oltre ad un cospicuo gruzzoletto). Ma i giornalisti, oltre a non conoscere la lingua italiana, hanno idea di ciò che trattano, o no? Lo so, è una domanda retorica.

maggio 06, 2009

Pianisti comunisti


Lo so, dato l'elevato numero, non fa più notizia. Però è sempre bello vedere un'artista come Livia Turco presa dall'estro musicale, intenta a dare il meglio di se come "pianista". Non importa poi se la "pianista" fa la maestrina dalla penna rossa, e impartisce a tutti lezioni di correttezza e democrazia. Per me la ex ministra del PCI, PDS, DS, Ulivo, etc.etc. con questa foto dimostra solo mancanza di onestà. Pur se diffuso, il voto in parlamento anche a nome di altri disonesti colleghi rimane un atto da disonesti. Ma la sua parte politica, non era quella che si era inventata la pagliacciata della "questione morale"? Ma di quale moralità parlavano? Probabilmente quella degli altri, non la loro.

maggio 03, 2009

Quando si dice essere fortunati

Ed ora è il turno dell'influenza suina, che tra l'altro con i poveri suini non ha nulla a che fare. Ieri toccò alla "mucca pazza", poi alla SARS ed ora ci risiamo. Che fortunate la case farmaceutiche, e? Pensa un po' quando si dice che la fortuna è bendata; a me sembra che ci veda benissimo. In tempi di crisi economica mondiale, arriva il business per chi vive sulla salute della popolazione. I soliti esperti blaterano in TV, i governi comprano vaccini e/o antivirali a milioni di dosi, e Bruno Vespa dedica una puntata di Porta a Porta.
Gli unici che ci guadagnano sono coloro che vivono sulle malattie della popolazione. Oltretutto la mafia farmaceutica (ops! volevo dire l'industria...) si basa su uno strano tipo di cliente: non l'essere umano sano, quello che razza di cliente sarebbe? meglio il malato. Loro guadagnano solo se noi siamo malati, probabili quasi-morti, ma sani no! Se noi siamo sani, loro sono un po' incazzati, strano destino eh?
Per fortuna che ogni tanto, curiosamente e fortunatamente, arriva la pandemia che non c'è. Cosa ci riserverà il prossimo futuro dopo la mucca pazza e l'influenza suina? Magari la "scimmia stupida" o il "raffreddore dei lepidotteri"? Vedremo. Per il momento godiamoci questa di pandemia-bufala, poi vedremo.