febbraio 13, 2009

Enrico "Mitraglietta" Mentana se ne va. Meno uno.

Non voglio entrare nel merito della bagarre disgustosa che gli organi di stampa in questi giorni ci hanno propinato a proposito di Eluana Englaro. E' un tema troppo delicato per essere trattato in poche righe e poi ognuno risponde alla propria coscienza. La politica ha dato uno spettacolo vergognoso e peggio ancora hanno fatto stampa e televisione. Certo che però la pagliacciata delle dimissioni di Enrico Mentana, ha raggiunto l'olimpo dell'ipocrisia e del delirio di onnipotenza ed onniscienza del giornalista.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

si, Mentana è un giornalista sopravalutato, liberal e radical chic, insomma campione del politicamente corretto sotto un'apparente ed esibita neutralità, e quindi Mediaset con la sua perdita non perde nulla; però è anche vero che Strisca la Notizia, a corpo di Eluana ancora caldo, si è esibita (Greggio)nella solita satira contro Berlusconi accusato di attentare alla Costituzione. Ho dovuto cambiare per lo schifo, e sono passato a Fede che ha fatto un buon lavoro. Ma cosa dire della remissività della Chiesa sull'uccisione di Eluana? Non poteva almeno tentare di darle l'estrema unzione? ro

davide ha detto...

Caro Nice&Nasty,

non c'è dubbio che la "politica" sul caso Eluana a dato il peggio di sè.

Quanto alle dimissioni di Mentana (che come giornalista stimo, devo dire che le motivazioni che ha addotto non mi convincono molto.

Ciao Davide

Nice & Nasty ha detto...

@anonimo: piùche radical chic, trovo che sia radical shit ;-)

Nice & Nasty ha detto...

@davide: "mitraglietta" ha un ego grande come una casa... le sue motivazioni, almeno quelle pubbliche, sono delle vere seghe mentali. Ci sarà sotto altro magari.