luglio 24, 2007

Donne


Ok, mi arrendo. Davvero non capisco come pensano le donne. Le ho osservate, ho parlato con loro, le ho studiate. Ho chiesto loro di studiare me, ma devo ammettere che sono nuovamente al punto di partenza. Penso però che gli uomini siano segretamente felici di non riuscire ad immaginare e gestire il rapporto tra uomini e donne in modo razionale. Ci mantiene in movimento. Fa in modo che i nostri pensieri non rimangano focalizzati su di noi stessi. E rende il genere femminile terribilmente affascinante. Per fortuna siete così diverse da noi!

17 commenti:

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

Perche'?

Non sono abbastanza Chiara?

Nice&Nasty ha detto...

@Chiara: di Notte si, di giorno un pochino meno ;-))

Ma tu non sei "le donne", tu sei solo Chiara. Non penso tu sia rappresentativa della media del genere femminile (nel bene e nel male)
:-)

Chiara di Notte (Klára) ha detto...

Non esiste la media del genere femminile.

Tu dirai: allora non esiste neanche la media di quello maschile.

Eh no. Ho gia' spiegato che non esiste specularita' :-))

Nice&Nasty ha detto...

Eh no. Ho gia' spiegato che non esiste specularita' :-))

Per mia estrazione, devo ricordarti che nella scienza, NON esistono certezze. Di nessun tipo!

;-))

Alexia ha detto...

Che siamo diverse dai maschi non ci sono dei dubbi. Hai mai visto il film con Mel Gibson "What Women Want - Quello Che Le Donne Vogliono" ;-)))
Tutti uomini sicuramente vorebberò provare le stesse sensazioni, almeno per un ora trovarsi nel posto di quell personaggio.

Nice&Nasty ha detto...

Alexia, se negassi di avere avuto quella fantasia guardando il film, sarei bugiardo. Non sempre, ma in qualche rara occasione, farebbe proprio comodo, anche se toglierebbe tutto il fascino.

ignipott ha detto...

...secondo me basterebbe che gli uomini tirassero fuori un po' della femminilità che celano volutamente per capire di più le donne...

ignipott.blogspot.com

SimplyAlexa ha detto...

Oooooh quanto mi piace quello che ha scritto ignipott. Gli uomni sarrebbero davvero migliore se potessero venire in contatto con il lato femminile. Basta un pochino.

;-)
Cheers

Nice&Nasty ha detto...

Sono d'accordo anch'io con voi. Purtroppo c'è ancora la paura di dare ascolto al lato femminile da parte degli uomini. Si pensa spesso che così facendo, si rischierebbe di non essere abbastanza macho. E' insicurezza...

Don Juan ha detto...

Parole sante, noi uomini abbiamo paura di non essere uomini con le palle, quindi non diamo ascolto al nostro lato femminile come dice nice&nasty, siamo fondamentalmente degli insicuri.

artemisia ha detto...

Hai mai provato a simulare l'orgasmo?
Solo noi donne lo sappiamo fare, ti basta questo per capire quanto siamo diverse, incomprensibili (simuliamo anche quando non ci viene richiesto),
bastarde?

Ha ragione Chiara, siete povere gazzelle. :-))

Nice&Nasty ha detto...

@artemisia: ho scritto proprio: "Per fortuna siete così diverse da noi", ho detto che vi apprezzo, che vi amo, che siete affascinanti, ma davanti a posizioni estremizzate, ho la tendenza, anche solo per il gusto della discussione, a prendere la posizione opposta! ;-)))
Povere gazzelle, non dovevi dirmelo... :-)))
Uff, sono anche permaloso! Sei cattiva!

:-)))))

Sgoldro ha detto...

Il motivo fondamentale per cui un uomo non capisce una donna, e viceversa, dipende dal fatto che ragioniamo in modi completamente diversi. Gli uomini sono più razionali che emotivi, le donne il contrario. Non sto dicendo che un modo sia più corretto dell'altro, dico che sono semplicemente diversi.

Quindi secondo me non è corretto dire che l'uomo ha paura a tirar fuori la sua parte femminile perchè teme di sembrare debole, semplicemente perchè non correrebbe questo rischio. Il vero motivo sta nel fatto che è molto difficile ragionare in un modo che non è il proprio.

Tutte le volte che ho provato a pensare al femminile, sono riuscito a capire, ma non a comprendere. Non so se mi sono spiegato...

Forse è una difficoltà mia particolare, sono troppo razionale. Difficilmente prendo decisioni sull'onda delle emozioni.

Nice&Nasty ha detto...

@sgoldro: anche io mi reputo razionale e pragmatico, ma a volte lasciarsi prendere dalle emozioni e dai sentimenti è una cosa meravigliosa. Forse pericolosa, ma comunque meravigliosa. Ti fa sentire vivo!

Sgoldro ha detto...

Vero... il momento esatto in cui si vive un'emozione fortissima non ha eguali... però poi tirno sempre nel mio bozzolo di razionalità... mi fa sentire meno "scoperto"

Oakeysi ha detto...

Sgomento! Quell'anima nella quale chissà cosa si annida.
Donna, femmina, pianeta sconosciuto dove però sappiamo che potremmo vivere. C'è ossigeno e acqua, e spazi che aneliamo. Lo sgomento arriva quando gli spazi si stringono. La paura di costruire è insita in noi, ed è nostra, maschile.
Loro, le donne, hanno universi più aperti, a livello emozionale, ma una praticità acquisita dall'educazione che impone loro a voler definire spazi chiusi, con limiti ben precisi quando amano e qualcuno o qualcosa che diventa per loro "casa".
Difficile, ma non impossibile.
Basta far uscire il femminino che è in noi.
Loro, la propria parte mascolina, l'hanno già addomesticata e la usano con sapienza. E quanto male può fare.
Un saluto.
\..O../OaKeYsi\..O../

Bouche ha detto...

Sgoldro: ma "rientrando nel guscio" non pensi che potresti perdere un'emozione che sta arrivando, nuova e magari più intensa di quella appena vissuta?

OaKeYsi: Avessi addomesticato la mia parte maschile, sarei un uomo.
Non credi?

Kisses.
Bouche.

whocog (chi cog?)